Lettera agli amici del PATT

panizzaAgli amici del PATT.
Oltre all’impegno politico del partito per migliorare i consensi dopo le elezioni europee, sicuramente alberga un sentimento di preoccupazione che ci accomuna per la sorte dell’Unione delle Famiglie trentine all’estero. Una associazione nata per l’interessamento del partito autonomista ed, in particolar modo, con l’impegno personale di Franco Panizza.
Metaforicamente l’associazione si prepara a morire, come un condannato a cui si è posta la corda al collo, in attesa che la botola si apra il 31 ottobre 2009.
Alcuni ricorderanno i miei riferimenti agli emigranti ( Nel 1993 avevo sconsigliato dei Circoli argentini, in contrasto con Ciro Russo e la Trentini nel mondo, a voler tornare alla loro autonomia come prima del 1957. Panizza ricorderà
il mio auspicio perché aderissero all’Unione delle Famiglie, riconosciuta dalla PAT, per non perdere i legami con Trento e come, per questo, nel luglio del 1994 abbia accompagnato Franco Tretter in Argentina.
Pur non facendo parte di alcuna associazione, come studioso del problema, ho simpatizzato per l’Unione delle Famiglie di fronte ai tentativi di emarginazione e per sottolineare alcuni aspetti di ingiustizia perpetrati da chi non è stato super partes nell’amministrare i sussidi e per aver respinto dei progetti di cooperazione proposti dalle Famiglie nel Chaco……. clicca qui per leggere l’intero articolo

Ferruccio Bolognani  – 11 giugno 2009

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...