Pro.ga.no: le “novità” del progetto

El gobierno provincial determinó que, con una frecuencia de al menos dos veces por semana, se incluya el consumo de carne de cabra en los entes que controla el Estado provincial. El fin es sostener la producción caprina y mantener el equilibrio financiero del Frigorífico Caprino de Pampa del Infierno. Así lo aseguró este domingo el vicegobernador Juan Carlos Bacileff Ivanoff al recorrer el frigorífico caprino de esa localidad. “Eso va a significar una producción sustentable y permitirá mantener el Frigorífico en un estado de equilibrio financiero”, sostuvo.
Il governo provinciale ha deciso di includere il consumo di carne caprina almeno due volte alla settimana in tutte le mense gestite dallo Stato provinciale. L’obiettivo è quello di sostenere la produzione caprina e mantenere l’equilibrio finanziario del macello caprino di Pampa del Inferno. “…questo significherà una produzione sostenibile e permetterà di mantenere in uno stato di equilibrio finanziario il macello”… dichiarazioni del vice governatore del Chaco, Juan Carlos Bacileff Ivanoff.
Con el objetivo de hacer sustentable la producción caprina y mantener el equilibrio financiero del Frigorífico Caprino de Pampa del Infierno, el gobierno provincial determinó que al menos dos veces por semana se incorpore el consumo de carne de cabra en los entes que controla el Estado provincial. Así lo aseguró hoy el vicegobernador Juan Carlos Bacileff Ivanoff al recorrer el mejor frigorífico caprino que existe en el país, asegurando que de ahora en adelante los comedores escolares, hogares de ancianos y hospitales, entre otras dependencias, incorporarán semanalmente la carne caprina en sus dietas.
Con l’obiettivo di sostenere la produzione caprina e mantenere l’equilibrio finanziario del macello caprino di Pampa dell’Inferno, il governo provinciale ha deciso che almeno due volte alla settimana si includa il consumo di carne caprina nelle mense gestite dallo Stato. Cosi ha dichiarato oggi il vice governatore Juan Carlos Bacileff Ivanoff in una visita al miglior macello caprino che esiste nel paese, assicurando che da adesso le mense scolastiche, le case di riposo e gli ospedali includeranno settimanalmente la carne caprina nei loro menu.
Bacileff Ivanoff, a cargo del Ejecutivo provincial, recorrió las instalaciones del Frigorífico junto al intendente local Marcelo Píccoli y el coordinador de los proyectos trentinos para Sudamérica, Ciro Russo, oportunidad en que comentó y detalló la iniciativa provincial que intenta fortalecer el mercado interno. “Tenemos que colaborar desde el Estado para que esto funcione. Por eso, es una determinación del gobierno provincial instrumentar como base dos veces por semana se pueda introducir el caprino en el mercado de consumo en los entes que controla el Estado provincial”, ratificó el funcionario provincial. Es decir, en los comedores escolares, en el sector de la policía o en los hospitales, entre otras reparticiones, un par de veces por semana se pueda comer cabra: “Eso va a significar una producción sustentable y permitirá mantener el Frigorífico en un estado de equilibrio financiero”, insistió.

Bacileff Ivanoff in visita alle strutture del macello insieme al sindaco locale Marcelo Piccoli e al coordinatore dei progetti trentini in Sudamerica Ciro Russo, ha detto che l’iniziativa intende rafforzare il mercato interno. “…Lo Stato deve collaborare di modo che questo funzioni. Quindi il governo provinciale ha deciso che due volte in settimana si introduca la carne caprina nel mercato di consumo, nelle mense gestite dallo Stato…, cioè, nelle mense scolastiche, nell’ambito della polizia e degli ospedali…”

LOS QUESOS TAMBIÉN
Luego, la comitiva también recorrió la cooperativa Valsugana chaqueña, donde el vicegobernador se comprometió a realizar todas las gestiones necesarias para que los quesos que allí se producen tengan el mismo destino que la carne caprina. Ambos emprendimientos se llevan adelante en conjunto entre el gobierno provincial y la Provincia Autónoma de Trento (Italia).

Dopo, la comitiva ha visitato la cooperativa Valsugana Chaquena, dove il vice governatore ha promesso di realizzare tutte le gestioni per far si che i formaggi che si producono li abbiano lo stesso destino della carne caprina. Entrambe le iniziative sono portate avanti dal governo provinciale insieme alla Provincia Autonoma di Trento (Italia).

“Hay que imponer en el país y en el extranjero la cultura del consumo de la cabra. Es un compromiso del Estado que dos veces por semana los municipios, las entidades o comedores que se adhieran, dos veces por semana puedan consumir la carne caprina, para que esto sea sustentable y no de déficit”, destacó Bacileff Ivanoff. En adelante, los negocios que quieran incorporarse serán bienvenidos, porque significarán un adelanto para Pampa del Infierno y el resto de las localidades que están incorporadas al Progano.

Bisogna imporre nel paese e all’estero la cultura del consumo della capra…i negozi che vorranno farne parte saranno benvenuti perché significherà un passo avanti per Pampa dell’Inferno e per il resto delle località che faranno parte del Progano.

“Venimos con el ánimo de decir que éstas instalaciones son un ejemplo”, agregó el vicegobernador al referirse al Frigorífico Caprino de Pampa del Infierno. “Se comenta en todos los ámbitos que el mejor frigorífico caprino que existe es el de Pampa del Infierno. Pero tenemos que demostrar en los hechos que si tenemos los recursos humanos y estas instalaciones, estamos incorporando la idea que aparte de la comercialización del producto, como política de Estado darle sustentabilidad al proyecto y esto se autofinancie”, concluyó.

“Vorremmo che queste strutture siano un esempio”, ha detto il vice governatore riguardo al macello caprino di Pampa del Inferno. “In tutti gli ambiti si dice che il miglior macello caprino che esiste nel paese è quello di Pampa del Inferno, ma dobbiamo dimostrarlo anche con i fatti, perché se abbiamo le risorse umane e le strutture possiamo incorporare l’idea che oltre alla commercializzazione del prodotto come politica statale bisogna dare sostenibilità al progetto di modo che possa autofinanziarsi”

COMPROMISO PROVINCIAL
Por su parte, Ciro Russo, planteó la necesidad que todos los actores del proyecto empujen en la misma dirección. Así, reconoció al señor vicegobernador, que ha firmado un acuerdo en enero pasado en Trento: “Está muy comprometido para que la cosa pueda funcionar”, dijo. En esta línea, destacó que con esta última idea de consumir carne caprina en los comedores diseminados en toda la provincia, “va a ayudar a que este proyecto pueda funcionar mejor”.
La cooperativa Trento es la que maneja la planta, pero “tiene que hacerlo económicamente sustentable”, reconoció. “Pero falta –agregó, porque el volumen que necesita para que pueda auto sostenerse depende del volumen de faena. Respecto a esto, estamos un poco lejos, pero esta idea del vicegobernador va a ayudar a lograr este objetivo”.
Finalmente, el intendente Piccoli coincidió con la idea del vicegobernador respecto a que hay que darle una salida a la carne caprina en el mercado interno del Chaco. “La carne del chivo es muy saludable, porque tiene bajo contenido de colesterol, entre otros beneficios. Esto es una base para los pequeños productores, para que no se corte la producción”, concluyó.

Ciro Russo ha parlato sulla necessità che tutti gli attori coinvolti nel progetto spingano nella stessa direzione, confermando l’accordo dello scorso gennaio a Trento: ha riconosciuto che il vice governatore si è compromesso per far si che la cosa possa funzionare. In questa linea ha evidenziato che con questa ultima idea di consumare carne caprina nelle mense di tutta la provincia si possa aiutare a far funzionare meglio il progetto. Ha riconosciuto che la cooperativa Trento gestisce il macello, ma deve farlo diventare economicamente sostenibile. Manca perché non si è ancora raggiunto il volume di macellazione necessario per poter auto sostenersi. “Riguardo a questo siamo un po’ lontani, ma l’idea del vicegovernatore aiuterà a raggiungere l’obiettivo”.
Infine, il sindaco Piccoli ha concordato con l’idea del vicegovernatore riguardo a promuovere il consumo della carne caprina nel mercato interno del Chaco. “La carne caprina è molto salutabile e ha un basso contenuto di colesterolo fra altri benefici. Questo è una base per i piccoli produttori, per far si che non si fermi la produzione”

(Articolo del Giornale Chaco del 07/08/09)

Commento di Lorenzo, un lettore di Resistencia

Grande vicegobernador… ud si que la tiene clara.. les traera a Resistencia carne de cabras… vice… la gente no come cabritos en Resistencia porque no les gusta.. nada mas .. para que quiere traer.. o esta por comprar y regalarselos…. en Tres Isletas Chaco.. hay un criadero de ranas… mande tambien en Resistencia ranas.. y se atropellaran para comer…si hubiera sido negocio.. miles de camiones estarian inundando Resistencia con dicha carne… todavia la gente no esta acostumbrada…. los resistencianos te comen .. pacu.. moncholos.. bagres.. mojarritas.. palometas y, en casos de muchas necesidades, tambien he visto comer gatos caseros…en algunos casos hasta morenas… (ojo hablo de pescados.. que nadie confunda con mujeres morenas).. pero cabritos no y menos si hay que pagarlos… pero ud quiere reventar y cambiar de habitos… regale … reparta en unidades basicas… reparta.. que se acostumbre lo haga por lo menos tres meses… y despues si.. a disfrutar un hermoso chivito…rico nutritivo y chaqueño …

Grande Vice governatore…Lei si ha le idee chiare…porterà a Resistencia la carne caprina… Vice… la gente non mangia capretti a Resistencia perché non li piacciono …perché vuole portarla? Oppure pensa di comprarli e regalarli? A Tres Isletas, Chaco, c’è un allevamento di rane…porti anche le rane a Resistencia e vorranno sicuramente mangiarle..Se fosse un affare, tantissimi camion annegherebbero Resistencia con le rane…la gente di Resistencia mangia pacu, moncholos, mojarritas…e in alcuni casi ho visto anche mangiare gatti, ma non capretti e tantomeno se bisogna pagarli..ma Lei vuole cambiare le abitudini….

Annunci

Una risposta a “Pro.ga.no: le “novità” del progetto

  1. Se dopo 10 anni del progetto governativo del PROGRANO (allevamento di capre nella zona dell’Impenetrabile di 49.000 kmq con 7 cooperative assistite da 7 veterinari del CEDEPRO) il FRIGORIFICO o macello di Pampa del Infierno, tra i più moderni del CHACO, che la Cooperativa Valsugana chaqueña ha inaugurato nel 2003 non è in grado di sostenersi commercialmente, significa che l’iniziativa industriale è fallita.
    Già nel 2004 Ciro Russo dichiarava che erano stati spesi 2.500.000 dollari per il Frigorifico, “una cattedrale nel deserto”. L’assessore Berasi suggeriva che la Provincia doveva interrompere quel finanziamento per indirizzarlo ad altri progetti. Invece la Provincia ha continuato a sostenere il Governo del Chaco convinta che un qualche beneficio fosse ripartito tra i discendenti di emigranti trentini. Sperava che le due Cooperative la Valsugana e Trento Chaqueña potessero: l’una con la macellazione delle capre nel Frigorifico, l’altra nella commercializzazione della carne, dei formaggi e delle pelli caprine (in una zona carente di acqua per la concia), potessero diventare una industria.
    Invece, nonostante l’allarme del Comitato Sentimento Trentino che largo spazio ha avuto sui giornali trentini nel 2005, nonostante il dossier di un giornalista professionista (deriso da Ciro Russo) pubblicato dopo una visita a Quitilipi e Pampa del Infierno, la Quarta Commissione nella suo viaggio dell’ottobre 2005 ha trovato tutto regolare. Spiace che non abbia sfogliato i libri contabili. Se era stabilito che per sopravvive il Frigorifico doveva macellare almeno 300 capre al giorno, poteva sopravvivere con solo 180 alla settimana?.
    A dimostrazione dell’assurdo tentativo industriale e commerciale della Provincia nell’agosto del 2007 arrivano le dichiarazioni di fallimento di Ciro Russo e la chiusura del Frigorifico nel 2008. Quanti milioni di ero sono stati buttati al vento? I calcoli non coincidono pur esaminando le diverse delibere degli accordi tra la PAT ed il Governo del Chaco. Alcuni ipotizzano contributi superiori ai 10.000.000 di euro.
    Di certo sappiamo che il Frigorifico nel 2008 con il passivo di 700.000 pesos non era in grado di pagare gli stipendi ai dipendenti e che era stato fornito di acqua con camion cisterna. Si sono lette anche interviste polemiche di Ciro Russo verso quei ministri del Governo Rosaz e Nikisch che aveva considerato affidabili e invitati a Trento per le firme dei protocolli. Anche l’avv. Bacileff Ivanoff, vice del nuovo Governatore Capitanich in carica dal 2008, si meravigliava che Ciro Russo non lo avesse mai contattato.
    Poiché il Governo del Chaco non voleva smobilitare il Progano e il Cedepro ha concordato con la Provincia di Trento un nuovo protocollo d’intesa per salvarli. E lo scorso gennaio 2009 ha firmato un nuovo accordo. Purtroppo questo documento è secretato e non sappiamo quale sia l’importo del contributo.
    Di certo sappiamo, invece, che dopo 8 mesi il Macello non è economico e che il Progano non da garanzie industriali e commerciali.
    L’articolo pubblicato dal DIARIO CHACO non ha bisogno di spiegazioni. Si dilunga e ripete l’auspicio che degli enti statali programmino nelle loro mense almeno due volte alla settimana il consumo della carne e del formaggio di capra, per incrementare la produzione e salvare il Frigorifico.
    L’insistenza che il Vicegovernatore fa dell’auspicio denota che DIARIO CHACO non aveva altro da dire, mentre sono più sintetici altri periodici di quella Provincia, forse perché comprendono che non si può salvare una industria inducendo i cittadini ad alimentarsi con della carne di capretto non usuale sulle loro tavole e costosa rispetto a quella dei bovini.
    Molto di più dice il commento del lettore LORENZO.
    Non rimane altro da aggiungere. Se veramente la Provincia di Trento vuole aiutare le famiglie di discendenti di emigranti in difficoltà potrebbe inventare altre iniziative o realizzare progetti più concreti. Dovrebbe invitare al Festival di economia di Trento il premio nobel per la pace, il dr. Muhammad Ynus economista originario del Bangladesh, l’inventore del microcredito che finanzia le famiglie emarginate.

    Ferruccio Bolognani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...